TOUGH MUDDER E MARVEL COLLABORANO PER UN’INIZIATIVA DI FITNESS DIGITALE

Tough Mudder e Marvel hanno annunciato una nuova partnership che vedrà la coppia lanciare una nuova “avventura di fitness” digitale.

Il brand di fitness lancerà la “Tough Mudder Challenge: Marvel Edition“, un nuovo evento digitale di 21 giorni in cui i partecipanti approfondiranno l’universo Marvel e rilasceranno i loro “super poteri interiori” con sfide ispirate agli Avengers, agli X-Men e ai Fantastici Quattro.

Partendo ad ottobre, come parte della serie Tough Mudder Challenge, i partecipanti completeranno una serie di sfide fisiche, mentali e basate sulle abilità nel corso di 21 giorni, monitorando i loro progressi in una nuova piattaforma digitale.

The Marvel and Tough Mudder communities are a natural fit. Both brands give people of all abilities an outlet to escape the ordinary and get motivated and inspired to overcome challenges they didn’t think they were capable of.

Kyle McLaughlin – Global CEO Tough Mudder

When Marvel’s heroes are pushed to their limits, they find their inner strength and work together to accomplish the seemingly impossible. Just like Earth’s Mightiest Heroes, the Tough Mudder community brings out those very same qualities. We hope everyone will be up for the challenge with this latest Marvel Edition.

Dan Buckley – President, Marvel Entertainment

I partecipanti potranno guadagnare equipaggiamento finale unico Marvel / Tough Mudder co-branded ed una moneta della sfida commemorativa, parte di un set completo di sei monete che i partecipanti potranno guadagnare per aver completato le sfide Tough Mudder da luglio a Dicembre. 

UKACTIVE ANNUNCIA LA “GREAT BRITISH WEEK OF SPORT”

Ukactive ha annunciato una nuova celebrazione dello sport e dell’attività fisica con la creazione della “Great British Week of Sport“.

La prima edizione della campagna metterà in luce il potere che lo sport ha sul benessere mentale e sociale oltre che sulla salute fisica.

La campagna si svolgerà da sabato 19 a domenica 27 settembre, in collaborazione con Sport England, il governo del Regno Unito e la Commissione europea e coinvolgerà una serie di altre organizzazioni per il benessere fisico, mentale e sociale come l’organizzazione giovanile Street Games ed il marchio di fitness Les Mills.

We are delighted to launch the Great British Week of Sport, celebrating everything that’s great about our passion for physical activity and sport. We are living in challenging times, which makes it all the more important we celebrate the incredible spirit and unity through sport and activity that makes our communities stronger. Every day, taking part in physical activity and sport brings people together in a way that is very unique, making our gyms, leisure centres and sports venues part of our social fabric. The Great British Week of Sport will show that physical activity is available to everyone, no matter what your background, age, gender, race or ability, and that being active together is an amazing thing.

Baroness Tanni Grey-Thompson – Ukactive

Enjoying sport and being physically active can make us all happier and healthier, which is why Sport England is pleased to support the first Great British Week of Sport.  We know that sport is a powerful means to bring people together, and so a full week dedicated to showcasing fun and enjoyable activities to encourage people of all ages to get involved means more people should have the opportunity to enjoy the benefits of being active.

Tim Hollingsworth – CEO Sport England

Il pubblico britannico sarà incoraggiato a utilizzare l’hashtag #BeActive sui social media durante la settimana e ad utilizzare le app gratuite “Active 10” per la camminata e “Couch to 5k“, in collaborazione con la campagna Better Health di Public Health England.

TECHNOGYM APRE LA PRIMA PALESTRA OUTDOOR

Inaugurata Sabato 1 Agosto sul nuovo lungomare di Rimini, alla presenza di Pierluigi Alessandri, Vice Presidente di Technogym, e del Sindaco di Rimini Andrea Gnassi, la prima isola Technogym Outdoor, l’innovativa soluzione Technogym per l’esercizio all’aria aperta.

Si tratta dell’anteprima mondiale del concept studiato e realizzato da Technogym per gli spazi pubblici in grado di offrire una soluzione per l’esercizio fisico all’aperto in totale sicurezza ad utenti di ogni età e livello di forma fisica.

Ogni isola è stata progettata per massimizzare lo spazio disponibile per l’esercizio e per offrire agli utenti molteplici possibilità di esercizio grazie al QR code che permette agli utenti di accedere dal proprio smartphone ad una libreria digitale con esercizi e programmi di allenamento adatta ad utenti con diversi profili ed obiettivi.

La struttura è sviluppata all’insegna della sostenibilità di lungo periodo grazie all’utilizzo di materiali quali inox, alluminio e cemento che garantiscono lunga durabilità nel tempo, riparabilità, riciclo e alta protezione contro l’usura da utilizzo intenso e l’erosione da agenti atmosferici e ambiente marino.

L’iniziativa si inserisce nel più ampio progetto Wellness Valley, con impatti positivi sul territorio sia dal punto di vista economico e turistico, sia dal punto di vista sociale e della salute dei cittadini. (fonte: Technogym)

COME IL COVID HA CAMBIATO IL MONDO DEL FITNESS – INTERVISTA A LUCA FINI, EMEA MARKETING MANAGER DI SPORTSART

Come cambierà il modo di allenarsi dopo il Covid-19? Come hanno affrontato la pandemia e come si organizzeranno le aziende che lavorano in questo settore nel caso di un nuovo lockdown?

Lo abbiamo chiesto a Luca Fini, EMEA Marketing Manager di SportsArt, azienda che opera nel mondo del fitness da più di 40 anni che, con le tecnologie innovative di cui dispone, punta a trasformare ogni allenamento in energia utilizzabile, pulita e rinnovabile.

Ciao Luca e grazie per la tua disponibilità, soprattutto in un periodo delicato come questo per il mondo del fitness. Prima di approfondire, parlaci di te e del tuo lavoro.

Buongiorno Simone e grazie per avermi proposto questa intervista. Vorrei innanzitutto farti i complimenti per l’interessantissima piattaforma che state lanciando: Skepsi propone davvero notizie ed approfondimenti appassionanti e stimolanti ed è un piacere condividere queste riflessioni con te.

Mi presento brevemente: sono Luca Fini, EMEA Marketing Manager per SportsArt dal 2017.

All’interno dell’azienda mi occupo di quelle che sono le principali attività di marketing: dall’analisi del nostro mercato e dei competitors fino ad arrivare all’individuazione ed implementazione delle strategie di marketing prescelte. Il tutto, coadiuvato dal Marketing Team negli Stati Uniti.

A proposito di SportsArt, trovo molto interessante la filosofia e soprattutto la mission che vuol portare avanti l’azienda, che si definisce “The Green Fitness Company”. Puoi dirci qualcosa di più a riguardo?

SportsArt è un’azienda che lavora ormai da più di quarant’anni nel settore del Fitness.

Il suo fondatore, ed attuale presidente, Paul Kuo, sin dal 1977 continua ad alimentare la nostra missione di portare sul mercato prodotti unici, funzionali, accattivanti, realizzati con tecnologie innovative, che possano svolgere un ruolo importante nel sostenere la salute del pianeta e delle persone che vi risiedono.

Tutto ciò si traduce nel cuore pulsante della nostra azienda con la linea di attrezzature cardio ECO-POWR™, in grado di produrre energia elettrica immediatamente utilizzabile, catturando e trasformando l’energia cinetica prodotta di ogni singolo allenamento in fonte di energia rinnovabile, pulita e sostenibile.

Con questo abbiamo la possibilità di convertire le palestre tradizionali in strutture per il fitness dove l’impatto energetico viene drasticamente ridotto ed ogni allenamento sarà ancora più stimolante.

Immagino che, come le aziende ed il settore in generale, anche SportsArt abbia accusato il colpo causato dalla pandemia attualmente in corso. Come è cambiato il vostro lavoro durante il lockdown?

Purtroppo Simone è così. Come per altri settori, come quello sportivo, l’impatto del coronavirus è stato tremendo: le palestre di tutto il nostro territorio di riferimento hanno progressivamente adottato misure restrittive che hanno portato la chiusura di diversi centri.

Purtroppo alcuni di questi non saranno in grado di riaprire, e questo ci crea un forte dispiacere.

Diversi segnali positivi si stanno però intravedendo in queste ultime settimane. Le strutture stanno riaprendo e, nonostante i rigidi protocolli di utilizzo degli ambienti, il popolo degli appassionati del fitness non ha perso la voglia di allenarsi.

Per quanto concerne il lavoro in sé invece, il nostro ufficio si basa su un modello di lavoro agile ed elastico: io e i miei colleghi abbiamo sempre lavorato in remoto dalle scrivanie delle nostre case, avendo quindi un impatto allo smart working molto meno drastico ed immediato.

Sono personalmente convinto che questo lockdown ci abbia dimostrato una volta in più come il concetto di produttività lavorativa non si lega necessariamente alla necessità di un ufficio.

Come è cambiato il settore del fitness e come state affrontando questo particolare periodo?

Negli scorsi mesi di lockdown abbiamo assistito ad un drastico cambiamento, con una virata poderosa verso i servizi digital fitness e l’home fitness. Cambiamento già annunciato,  ma che è stato enormemente velocizzato da questi eventi singolari ed epocali.

Ora più che mai, il compito delle aziende del fitness, inclusa SportsArt, è quello di sapersi adattare ad un fitness che sta diventando sempre più digitale e connesso, capace di assicurare una chiara personalizzazione ad ogni singolo cliente.

La nostra volontà è quella di coniugare la digitalizzazione al nostro core value: la sostenibilità.

Proprio per questo ci stiamo focalizzando su nuove linee di prodotti e servizi che possano coniugare questi due aspetti focali.

Gli esperti temono, purtroppo, una nuova ondata a partire da questo autunno. Quali sono le tue considerazioni a riguardo e quali precauzioni avete adottato per un’eventuale nuova chiusura forzata causata dal Covid?

Il pericolo di una nuova ondata, con l’arrivo dei mesi più freddi, rappresenta sicuramente una minaccia plausibile all’orizzonte. Ciò che si può fare è cercare di non farsi trovare impreparati. Questi mesi di lockdown ci hanno insegnato molto su come si diffonde questo virus e su tutte le precauzioni che si possono prendere per limitarne la diffusione.

E’ stata nostra cura informare tutti i nostri clienti, fornendo loro un documento che racchiudesse tutte le pratiche consigliate per operare in sicurezza, seguendo le restrizioni imposte dai diversi governi.

In caso di necessità saremo pronti ad implementare questo documento e aggiornare costantemente tutti gli operatori del fitness che lavorano con noi.

Per concludere, ti chiedo un’ultima considerazione: per quanto riguarda il futuro degli eventi sportivi, che cosa ti aspetti?

L’organizzazione degli eventi, che siano essi sportivi o commerciali, è certamente uno dei temi su cui si discute e dibatte maggiormente. Per l’innata natura socializzante e la necessità intrinseca degli eventi stessi di dover raggruppare numerose persone in un unico luogo, è estremamente difficile pensare che gli eventi possano attualmente, e nel futuro prossimo, svolgersi come ricordiamo tutti.

Certamente, il know-how acquisito fin qui su questo virus e sulla sua contagiosità, permetterà di organizzare eventi in forma ridotta, con un esiguo numero di partecipanti rispetto ad una situazione di normalità.

Un’alternativa può sicuramente arrivare dal supporto tecnologico agli eventi di massa.

Immagino eventi in cui la “folla” possa essere digitale, connessa in remoto dal proprio pc. Tutto ciò a patto che si trovino le giuste piattaforme per assicurare un engagement degno di un evento, assicurando ai partecipanti un’esperienza sì diversa, ma pur sempre emozionante e coinvolgente.

FITNESS: L’APP DEL MOMENTO SI CHIAMA BUDDYFIT

Buddyfit è la nuova applicazione, disponibile gratuitamente per Android ed iPhone, creata per consentire alle persone di allenarsi in qualsiasi luogo con il supporto di un personal trainer, attraverso workout personalizzati o allenamenti in diretta.

Esistono tantissime app che offrono schemi di allenamento personalizzati o workout giornalieri, ma tutte lasciano l’utente ad allenarsi da solo, senza che nessuno segua i movimenti o dia costanza e ritmo durante l’allenamento.

Da qui l’idea del suo fondatore, Giovanni Ciferri, di creare un’applicazione di fitness totale, in grado di collegare il personal trainer direttamente con il cliente: in questo modo, l’utente è seguito a 360 gradi, minimizzando il rischio di errori posturali o tecnici durante l’esercizio.

In un periodo incerto come questo, in cui molte persone diffidano nel tornare in palestra a causa della pandemia di Covid-19, Buddyfit è sicuramente una valida alternativa per continuare a stare in forma ed essere seguiti come in palestra.

Il team di Buddyfit può contare inoltre su due testimonial d’eccezione: Zlatan Ibrahimovic, Global Brand Ambassador del gruppo e Diletta LeottaBrand Ambassador per l’Italia.

Gli ultimi eventi hanno rivoluzionato completamente l’industria del fitness ed oggi le esigenze delle persone sono cambiate. Dopo aver sperimentato la possibilità di allenarsi anche a casa, le persone ricercano la flessibilità di potersi allenare dove vogliono e quando vogliono abbinando alla palestra il lavoro a casa. Lavoriamo da mesi al progetto, ed oggi siamo orgogliosi di lanciare l’app ufficialmente in Italia, nostro primo mercato, con Zlatan e Diletta che hanno creduto in noi.

Giovanni Ciferri – CEO Buddyfit

La società ha l’obiettivo di diventare leader del mercato del fitness online offrendo i propri servizi a trainer e palestre. Già oggi l’applicazione conta oltre 100 tra i migliori personal trainer in Italia e più di 3.000 persone utilizzano l’app ogni mese.

BLOOMBERG SQUARE MILE RELAY SVELA IL VIRTUAL CLUB

Il Bloomberg Square Mile Relay, una serie di gare di running mondiale per sostenere attività benefiche, ha svelato il suo nuovo progetto, il Virtual Club, che vedrà la comunità di corridori riunirsi online per allenarsi con un impatto sociale positivo.

La nuova piattaforma collega i dipendenti delle aziende delle maggiori multinazionali, in 12 città in tutto il mondo, per allenarsi e competere insieme in sfide virtuali, guadagnando punti sia per se stessi che per le loro aziende.

A loro volta, le società scaleranno le classifiche locali e globali prima di raccogliere infine donazioni di beneficenza sbloccabili basate sui livelli di attività.

I partecipanti potranno guadagnare punti camminando o correndo e la piattaforma virtuale è compatibile con la maggior parte dei fitness tracker indossabili. Le donazioni andranno a sostegno delle organizzazioni attraverso il partner benefico di Square Mile Sport, The Extra Mile, che ora si sta concentrando su una risposta alla pandemia di Coronavirus e sulle disuguaglianze create di conseguenza.

During this unprecedented time, where across the globe we have been forced to change our work and lifestyle habits, the importance of community, daily physical activity and connection to society are as high as ever. The Virtual Club will ensure our global community of corporate participants can still go The Extra Mile and run, jog or walk as a team to help unlock vital funds for our partner charities around the world, to help address the current public health issues in each race city.

James Hassett – Square Mile Sport Managing Director

La nuova piattaforma è sostenuta da una campagna sociale chiamata #RunForYourCity, che passerà attraverso i canali digitali di Bloomberg Square Mile Relay.