LA PREMIER LEAGUE ARRUOLA I GIOCATORI PER LA NUOVA INIZIATIVA “NO ROOM FOR RACISM”

La Premier League ha lanciato una nuova fase della sua iniziativa “No Room For Racism“, arruolando una schiera di stelle della divisione per invitare i tifosi a “sfidarla, segnalarla, cambiarla”.

La campagna di cambiamento comportamentale invita i fan a denunciare il razzismo ovunque si verifichi, con giocatori come Tyrone Mings dell’Aston Villa, César Azpilicueta del Chelsea e Conor Coady dei Wolves che si occupano di un nuovo film per l’iniziativa.

La Lega sta anche lanciando una nuova serie di risorse educative con artisti del calibro di Dominic Calvert-Lewin dell’Everton, Neal Maupay del Brighton e Demi Stokes del Manchester City, in cui i giocatori parlano delle proprie esperienze di discriminazione, dell’impatto che hanno avuto su di loro e sui loro compagni di squadra e come tutti noi abbiamo la responsabilità di affrontare il razzismo. 

La Premier League afferma che i suoi materiali didattici gratuiti sono progettati per aiutare a stimolare la discussione nelle classi e saranno disponibili per oltre 18.000 scuole primarie in Inghilterra e Galles attraverso le Primary Stars della Premier League. Le risorse saranno rese disponibili anche tramite i programmi Kicks and Inspires della Premier League.

No Room For Racism represents the long-standing commitment of the Premier League and our clubs to tackle discrimination. This is not just about challenging and reporting abuse this weekend or next weekend, but throughout this season, next season and beyond. We will not stand still on this important issue and we will continue to work with our clubs, players and partners to address all discriminatory behaviour with tangible long-term action and strong messaging to fans. Much is being done to promote inclusion and equality in English football but we recognise there is much more to do.

Richard Masters – Premier League Chief Executive

Il messaggio No Room For Racism sarà visibile in tutte le partite della Premier League tra il 17 e il 26 ottobre, promuovendo le iniziative della Lega e dei club per combattere la discriminazione e promuovere l’uguaglianza, la diversità e l’inclusione nel calcio.  

KICK IT OUT LANCIA UNA NUOVA CAMPAGNA CONTRO L’ODIO

Kick It Out ha lanciato una nuova campagna “Digital First“, Take A Stand, volta a incoraggiare le persone di tutto il mondo per impegnarsi a combattere la discriminazione.

La campagna vedrà l’organizzazione collaborare con Facebook e la FA nel tentativo di affrontare il razzismo nel gioco. Kick It Out afferma che la campagna darà ai fan la fiducia e gli strumenti per affrontare la discriminazione.

Come parte della campagna, Facebook lancerà un nuovo servizio di Messenger automatizzato per i fan quando torneranno negli stadi. La piattaforma consentirà alle persone di segnalare abusi e discriminazioni direttamente a Kick It Out nei giorni delle partite. 

Il social network lancerà anche un nuovo programma educativo rivolto direttamente ai fan, pilotando il suo nuovo modulo di formazione con un’organizzazione benefica anti-odio, HOPE not Hate. Verrà lanciato inizialmente con le squadre nazionali dell’Inghilterra, così come i club EFL Derby County e Portsmouth, e sarà esteso ulteriormente nel 2021.

Facebook afferma che lancerà anche risorse educative attraverso un servizio di messaggistica WhatsApp. I tifosi possono registrarsi per ricevere informazioni sulle iniziative in corso nel calcio, nonché sui modi per segnalare gli abusi.

Twitter si è anche impegnata a prendere parte alla campagna Take A Stand, supportandola con campagne e iniziative educative per combattere l’odio online. La rete organizzerà anche sessioni di formazione con le squadre di calcio e le autorità di polizia ed afferma che rimuovràe in modo proattivo i tweet che incitano all’odio.

Our Take A Stand campaign aims to tackle discrimination, but also create a culture where everyone belongs and individuals take personal responsibility for being part of the change. We can all do something to take a stand against hate and promote a more inclusive society. Our ambition is to turn bystanders into activists and to crowdsource solutions by capturing pledges of individual action. We want to use those pledges that we receive from the public and organisations, to turn them into insight and make anti-discrimination strategies better informed by understanding more about what people are doing on the ground. We know that social media can be a battleground of hate, which is why we’re working closely with Facebook and Twitter to improve that through looking at better regulation and enforcement, as well as updated and new reporting methods.

Sanjay Bhandari – Chair Kick It Out

Facebook and Instagram are where fans come to connect directly with their favourite players, teams and other fans and we want that to do without discrimination or abuse. We can all do something to take a stand against hate and promote a more inclusive society. By equipping fans with the right tools, empowering them with the right education, and raising the level of conversation around discrimination in football, we can create an environment in which silence is replaced by action and play our part in supporting the goals of Kick it Out.

Steve Hatch – VP Northern Europe Facebook

We are committed to delivering a game that is free from discrimination and it is important that everybody plays their part in helping to achieve that. Take A Stand will give fans and others involved in the game the impetus to support us on this journey and tackle this issue head-on. We know that discrimination exists in society and often manifests itself through football, and only by working together across the game to drive meaningful change through action, can we truly ensure the game is a safe and enjoyable environment for all.

Edleen John – The FA’s International, Corporate Affairs and Co-Partner for Equality, Diversity and Inclusion Director

La campagna ha ricevuto anche impegni di sostegno da altre aree del panorama sportivo, con Sky Sport che ha annunciato il proprio sostegno alla campagna. L’emittente ha recentemente lanciato una propria serie di misure per combattere l’odio online.

“WOMEN IN FOOTBALL” AVVIA UNA NUOVA FASE DI CRESCITA

Women in Football ha annunciato una nuova fase della sua crescita con il lancio di un nuovo manifesto e brand. 

La mossa arriva in risposta ai risultati di quello che, secondo l’organizzazione, è il suo più grande sondaggio mai realizzato, i cui risultati concludono che due terzi delle donne hanno subito discriminazioni di genere sul posto di lavoro.  
 
Il sondaggio è stato condotto in collaborazione con Sports Marketing Survey e inviato ad oltre 4.000 membri, mostrando come il 66% delle donne abbia subito discriminazioni di genere sul posto di lavoro calcistico, e che solo il 12% degli incidenti sia stato segnalato. L’82% afferma di aver incontrato ostacoli nella propria carriera.

Secondo il sondaggio, quando venivano segnalati problemi, gli incidenti venivano spesso insabbiati. 

Il 52% degli intervistati afferma inoltre di aver subito o assistito a tale discriminazione.

Il nuovo marchio è stato creato in collaborazione con l’agenzia creativa Iris e supportato attraverso gli investimenti di Barclays, partner principale di Women in Football.

Women in Football is already a reality, however, change on an institutional level is not happening as fast as the world demands it. Women in football is no longer a ‘nice to have’ – it is fundamental to the success of the industry – and it’s just good business,” said . Football as an industry provides an abundance of opportunities for all career paths to benefit from the involvement of women – from finance to physio – but, as our survey shows, there’s still a lot of work to do to make the football industry truly diverse and gender inclusive. Whilst a new brand won’t do this job alone, it is vital we have a clear and consistent voice that helps communicate our organisation – our passion, integrity, thought leadership and most importantly how we drive change by working with our members and the industry as a collective. We can’t thank Iris and Barclays enough for their exceptional support. With a deep understanding and passion for what we do Iris have created a fresh, vibrant brand which will support our existing and new initiatives and supercharge our next phase of growth. As part of the new phase of growth, Women in Football is also driving new initiatives, revealing that it is in advanced plans to launch a Women in Football Youth Council, enhancing the opportunities for young women. The organisation has also confirmed that there will now be two recipients of the Vikki Orvice Memorial Directorship Scheme, which equips young leaders with the skills necessary to seek board positions by working closely with the Women in Football board for a year.

We are a network of 4,000 women and men transforming the football industry for the better.

We are empowering our members with knowledge, expertise and collective support to create a stronger, brighter and more diverse future.

We are Women in Football. #WomeninFootball pic.twitter.com/uW5IQd3kCS

Lisa Parfitt – Women in Football Board Member

— Women in Football (@WomeninFootball) 

ADIDAS LANCIA L’INIZIATIVA “FOOTBALL COLLECTIVE”

Adidas ha annunciato il lancio di “Football Collective“, un nuovo movimento comunitario di persone e club, a partire da Londra, Parigi, Berlino, New York, Los Angeles e Tokyo.

Secondo il brand, la nuova iniziativa cerca di unire le comunità nella convinzione che attraverso il calcio si possa creare un cambiamento positivo e collaborerà con i “pionieri locali” per aiutare a sviluppare iniziative specifiche per ogni città come parte del movimento. 

Adidas porterà iniziative della comunità locale, che sono già state istituite con il badge Adidas Football Collective, e tenterà di identificare persone, organizzazioni e club partner nelle città di tutto il mondo, nel tentativo di collaborare a “progetti iper-locali”.

At Adidas we believe in the power sport has to change lives. During the challenges of 2020, we saw more than ever, football become an essential lifeline in keeping our communities connected. The essence of adidas Football Collective is simple, make the sport we love accessible to everyone who wants to play. For us, the adidas Football Collective is our commitment to supporting the teams, initiatives and projects that are using our sport to make positive change. It is our mark of respect and gratitude for the resilience and creativity of this community now, and in the future.

Nick Craggs – Global Football General Manager Adidas

Il nuovo movimento è stato lanciato con un cortometraggio che fa luce su alcuni dei “pionieri” del brand che sono in prima linea nel cambiamento nelle loro comunità, tra cui Hamed Karamoko di RDR Switch, una squadra di calcio di strada del nord di Parigi, e Fati Rouina di Cacahuete Sluts a Parigi, un’altra squadra creata per promuovere la diversità e l’inclusione così come il gioco delle donne. 

L’iniziativa punterà anche i riflettori su coloro che hanno beneficiato delle iniziative Adidas, come i campi locali di Broadwater Farm e Vauxhall Pleasure Gardens a Londra. 

Anche l’allenatore del Liverpool, Jurgen Klopp, ha prestato il suo sostegno alla campagna e recita nel video di lancio di Adidas.

Now more than ever, there is a need for our community to utilise the power of the game to help drive positive change within football and as a tool outside of it. I’m proud to be part of the adidas Football Collective, and although of course, it’s not the answer, I hope together we can help clear the way for the next generation of player, whoever they are, wish to be or where they come from.

Jurgen Klopp

PROLUNGATA LA PARTNERSHIP TRA RANDSTAD E JUVENTUS FINO AL 2022

Randstad e Juventus faranno squadra anche nelle prossime due stagioni per confermare la propria leadership nei rispettivi settori e raggiungere nuovi obiettivi.

Il primo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane ha rinnovato la collaborazione con il Club campione d’Italia, di cui sarà partner ufficiale fino al 2022.

L’accordo prevede la visibilità del marchio Randstad all’Allianz Stadium, che sarà anche la sede di eventi esclusivi, con la presenza di giocatori e Juventus Legends, sui temi e i valori che accomunano lo sport e il mondo del lavoro.

Con questo accordo proseguiamo il nostro cammino insieme, iniziato nel 2014, con la soddisfazione dei successi sportivi e professionali ottenuti e l’obiettivo di raggiungere nuovi ambiziosi traguardi. Randstad e Juventus hanno un ruolo guida nei rispettivi settori e condividono la stessa passione per il proprio lavoro, la stessa ambizione all’eccellenza e lo stesso orientamento all’innovazione e all’allenamento costante per migliorare i risultati. Rinnovare per un altro biennio questa collaborazione è un passo importante per migliorare ulteriormente il nostro lavoro e i nostri servizi e continuare a garantire il “perfect match”, l’incontro perfetto tra le persone alla ricerca del lavoro giusto e le aziende alla ricerca dei migliori talenti.

Marco Ceresa – Amministratore Delegato Randstad Italia

Siamo molto felici di continuare a lavorare insieme a Randstad per le prossime due Stagioni portando a 8 anni la durata complessiva della partnership che ci lega, una delle più longeve per il Club. Attraverso nuovi progetti e la comune, costante ricerca di rinnovate sfide dentro e fuori dal campo i nostri brand si impegnano ad alimentare reciprocamente la leadership nei rispettivi settori.

Giorgio Ricci – Chief Revenue Officer Juventus

“MADE IN BELGIUM”, IL DOCUMENTARIO SU KEVIN DE BRUYNE

Il Manchester City ha svelato una nuova produzione documentaria interna, Made in Belgium, che fa luce sulla carriera del calciatore Kevin de Bruyne.

La produzione CityTV, della durata di 70 minuti, sarà disponibile per la visione sulla piattaforma di contenuti del club, CITY +, ed include un ampio materiale di archivio e interviste esclusive con artisti del calibro di Pep Guardiola, Vincent Kompany, Eden Hazard ed il manager belga Roberto Martinez, nonché amici d’infanzia del giocatore.

Secondo il City, la produzione di contenuti originali è al centro della sua strategia, e “Made in Belgium” segue i recenti documentari sulle carriere di David Silva e Sergio Aguero, nonché la miniserie in tre parti “City Restart“, che ha dato la possibilità ai tifosi di guardare, da dietro le quinte, il ritorno della squadra in campo durante il blocco del coronavirus.

NILOX E JUVENTUS FC ANCORA INSIEME

E’ ufficiale la partnership che legherà la Juventus Nilox, brand italiano di mobilità elettrica su due ruote, che nell’ultimo anno ha lanciato tre modelli di monopattini e sette nuove e-bike confermandosi uno dei protagonisti del mercato e-mobility.

Nilox si affiancherà al club con diversi assets di visibilità presso l’Allianz Stadium, il sito internet e i canali social ufficiali del club, proponendo tutta la sua gamma di veicoli elettrici; inoltre sono previste nuove modalità di attivazione, tra cui la realizzazione di contenuti crossmediali per promuovere i prodotti Nilox messi a disposizione dell’intera rosa.

Siamo felici di dare continuità alla partnership con Nilox che ci permetterà di comunicare alla nostra fan base concetti sempre più centrali nelle abitudini di vita di tutti noi legati all’ecosostenibilità.

Giorgio Ricci – Chief Revenue Officer di Juventus

Rinnoviamo la nostra partnership con la Juventus, dopo i risultati soddisfacenti ottenuti nella scorsa stagione. Grazie alla capacità di interazione del club con la propria amplissima fan base e la visibilità allo stadio, siamo riusciti ad accrescere la nostra brand awareness ed aumentare le vendite dei nostri prodotti. Siamo pronti per raggiungere insieme nuovi importanti traguardi.

Giovanni Testa – Direttore Generale del Gruppo Esprinet e Responsabile del Brand Nilox

LA SECONDA MAGLIA DEL US LECCE RACCHIUDE TUTTI I COMUNI DELLA PROVINCIA

Sono state presentate ieri mattina le nuove divise da gioco che i giocatori del US Lecce indosseranno per la stagione sportiva 2020/21.

Ogni divisa della società giallo/rossa presenta delle differenti particolarità. Nello specifico, la seconda maglia del club, unisce il marketing sportivo ed il marketing territoriale in un connubio perfetto: la texture della maglia da gioco include infatti tutti i nomi dei Comuni della provincia di Lecce.

Le maglie di stagione in stagione si modificano di qualcosa. In questa sede sulle nostre divise compaiono già due sponsor, che hanno rinnovato l’accordo e parlo di Maffei e Banca Popolare Pugliese. La prima, rigorosamente a strisce giallorosse,  vede un piccolo intervento tipo pixel, sia nella parte anteriore che posteriore. La seconda maglia per noi è sempre stata un veicolo di contenuti, di messaggi. Per la nostra società il legame con il territorio è la cosa più importante. La texture è realizzata con i nomi di tutti i comuni che compongono la Provincia di Lecce, per rimarcare proprio il legame con il territorio.

Andrea Micati – Responsabile Marketing US Lecce

La terza divisa di quest’anno è stata realizzata in questo modo per dare seguito ad un impegno che avevamo preso a dicembre scorso, con il Vescovo di Lecce Mons. Seccia aderendo alla campagna di sensibilizzazione a favore degli ulivi salentini , martoriati dalla xylella.

Giuseppe Mercadante – Direttore Generale US Lecce

Le maglie dei portieri saranno tre, di colore grigio, nero e celeste.

Quella relativa ai portieri è sempre una questione particolare,in quanto spesso e volentieri gli abbinamenti dei colori creano dei problemi ai direttori di gara. Abbiamo cercato di ricreare delle maglie storiche da portiere degli anni passati.

Giovanni Fasano – Responsabile magazziniere/abbigliamento US Lecce

MACRON, TERZO PIÙ IMPORTANTE BRAND NEL SETTORE DELLE SPONSORIZZAZIONI TECNICHE IN EUROPA

Macron, l’azienda italiana leader nel mercato internazionale dello sportswear e terzo più importante brand nel settore delle sponsorizzazioni tecniche a livello di club calcistici europei, è rappresentata da ben 21 club in 17 Paesi diversi, nelle due più importanti competizioni calcistiche per club in Europa: UEFA Champions League ed Europa League.

In UEFA Champions League, Lazio (Italia) e Club Brugge (Belgio) hanno accesso diretto alla fase a gironi, mentre Viktoria Plzen (Rep.Ceca), PAOK Salonicco (Grecia), Stella Rossa Belgrado (Serbia) e Omonia Nicosia (Cipro) sono impegnate nel turni preliminari.

Due gli accessi diretti anche in Europa League con Real Sociedad (Spagna) e OGC Nice (Francia), ai quali si aggiungono, impegnati nei preliminari, Sporting Clube de Portugal (Portogallo), APOEL Nicosia (Cipro), Hajduk Spalato (Croazia), Lech Poznan (Polonia), Honved (Ungheria), DAC 1904 (Slovacchia), Zrinjski Mostar e Željezničar (Bosnia), Škendija (Macedonia), Barry Town e Bala Town (Galles), Vikingur Reykjavik (Islanda) e Motherwell (Scozia).

Macron non è solo rappresentata da tutti questi club: il Macron Hero sarà comunque presente in ogni partita di UEFA Champions League e di Europa League perché, dallo scorso anno, il brand italiano è “Official UEFA Referee Match Kit Supplier”, prima azienda italiana a fornire tutto il materiale tecnico al settore arbitrale UEFA e quindi a tutti i direttori di gara impegnati nella direzione delle sfide europee.

UEFA Champions League ed Europa League sono gli appuntamenti continentali più importanti a livello di club. Essere presenti con così tanti e importanti club ed essere rappresentati anche dai migliori arbitri UEFA, accresce ulteriormente la visibilità del nostro brand. Ogni squadra, oltre alla passione e all’impegno, mette in campo la propria storia, che noi raccontiamo con la stessa passione e impegno, realizzando per loro maglie uniche che portano dentro l’orgoglio e l’emozione di prendere parte a queste grandi sfide calcistiche. A tutti i nostri club auguriamo di raggiungere il miglior risultato possibile.

Gianluca Pavanello – Ceo Macron

LAVAZZA E JUVENTUS: ANNUNCIATA LA NUOVA PARTNERSHIP

Official coffee” a livello globale del club campione d’Italia: nasce così la partnership siglata da Lavazza e Juventus FC

Entrambe di origine torinese e oggi due realtà globali, Lavazza e Juventus, grazie alla visione strategica e alla capacità imprenditoriale, hanno saputo creare ed esportare nel mondo un modello di business vincente riconosciuto a livello internazionale.

L’accordo prevede una serie di azioni di marketing e comunicazione quali la visibilità del brand Lavazza sul campo durante le partite di serie A e Coppa Italia e al Juventus Training Center, attività su canali digital e social, l’utilizzo del logo per la comunicazione ATL, BTL e web.

La partnership coinvolgerà anche la Prima Squadra di calcio femminile della Juventus, che dalla sua costituzione è sempre stata campione d’Italia, e anche il mondo eSports grazie ad alcune attività con il team bianconero di eFootball.

Rientrano nell’accordo anche il consumo esclusivo di caffè Lavazza presso tutti i bar e le sale hospitality dell’Allianz Stadium di Torino, dotate anche di Coffee Station; l’utilizzo di macchine Lavazza presso tutti gli “Sky box” dello stadio, nonché il diritto di fornire il caffè presso il J Hotel.

Siamo particolarmente orgogliosi di siglare questa partnership pluriennale con un brand iconico come Juventus, che come noi è torinese, italiano, con un’importante heritage familiare e dalla dimensione internazionale. Lo sport rappresenta un pillar strategico del nostro brand per far apprezzare in tutto il mondo la vera cultura del caffè italiano e per raggiungere un pubblico trasversale di appassionati. Sono certo che questa nuova collaborazione risulterà vincente per trasmettere ancora una volta, e sempre meglio, i valori condivisi come la ricerca dell’eccellenza, la capacità di innovare e di ispirare le persone, e renderà ancora più unico il mondo Juventus con una coffee experience di altissima qualità firmata Lavazza.

Sergio Cravero – Chief Marketing Officer Lavazza

Accogliamo Lavazza nella famiglia dei nostri partner con soddisfazione. Questo accordo è molto significativo per il nostro Club e la nostra città unendo due dei brand italiani più importanti al mondo. I progetti che andremo a realizzare insieme toccheranno diversi ambiti sfruttando i molti punti strategici di contatto tra le nostre realtà.

Giorgio Ricci – Chief Revenue Officer Juventus