MUHAMMAD ALI – IL PIÙ GRANDE. STORIA DELLA MIA VITA

Considerato uno dei migliori pesi massimi di tutti i tempi e tra i maggiori e più apprezzati atleti della storia, sin dagli inizi di carriera, Ali si contraddistinse come una figura carismatica, controversa e polarizzante sia dentro sia fuori dal ring di pugilato.

Il suo enorme impatto mediatico e soprattutto sociale non ebbe precedenti nel mondo agonistico. È tra gli sportivi più conosciuti di tutti i tempi.

Muhammad Ali: il pugile dalle esaltanti vittorie mondiali cominciate quando aveva solo diciott’anni e si chiamava Cassius Clay, il campione invincibile e inafferrabile “che vola come una farfalla e punge come un’ape“, il divo clamorosamente alla ribalta per gesta e spacconate, ma anche il campione convertito all’Islam consapevole che questo avrebbe potuto costargli carriera o guadagni, la “macchina da pugni” che rinuncia al titolo mondiale dei massimi pur di non indossare la divisa e servire l’esercito in guerra contro il Vietnam.

In questa autobiografia, uscita per la prima volta nel 1975, Muhammad Ali, all’apice della sua carriera, racconta di sé con orgoglio e sfacciata schiettezza: “Io sono il più grande” è il suo motto. Ma è un grande che parla a cuore aperto e che non esita ad ammettere: “Ogni volta che metto piede sul ring, lo stomaco mi si chiude dalla strizza”, e svela cosa prova quando il pugno dell’avversario giunge a segno, scaraventandolo “nella stanza del dormiveglia”.

È il lato privato dell’uomo pubblico che questo straordinario memoir ci restituisce: il ragazzo nero che si è aperto faticosamente una strada in una città del Sud ostile e razzista; i suoi anni sul ring, con i suoi incubi, le sue tragedie, e qualche prospettiva di agiatezza per chi accetta di conformarsi alle sue durissime leggi; le dolorose immagini delle vittime, di quelli che non sono mai arrivati al vertice e trascinano la loro esistenza tra gli scampoli di un passato favoloso.

Rispondi